Ma la “grazia” alle camicie verdi ce la siamo dimenticata?

Ma la “grazia” alle camicie verdi ce la siamo dimenticata? Da Mappe Di Subecume Dato il gran parlare che si fa del pericolo del ritorno agli “anni di piombo”, e della necessità di “stare in guardia” contro il riemergere della violenza; dato anche il ministro Alfano (con grande tempismo rispetto alle aperture dei telegiornali della sera) che manda gli ispettori a indagare sul perché gli arrestati del 14 dicembre sono stati già quasi tutti rilasciati; dato inoltre l’affermarsi del duo La Russa-Alemanno come nuovi maitre a penser del galateo di Piazza (memori evidentemente del loro passato di squadristi), sarebbe forse il caso di attirare l’attenzione su una delle prossime mozioni di sfiducia che il parlamento discuterà. Non tanto quella contro Bondi (senza dubbio divertente per il pathos con cui il diretto interessato si avvicina all’evento che potrebbe portargli via la poltrona), ma quella dell’IdV contro il ministro della semplificazione Roberto Calderoli, che con un colpo di mano parlamentare è riuscito a ottenere l’abrograzione del reato di “associazione militare con scopi politici”, facendo così decadere il processo a carico di 36 militanti e dirigenti leghisti. Nelle indagini del sostituto procuratore di Verona Papalia ci sono i testi di intercettazioni in cui si parla di fucili. Non c’è motivo di credere che questa mozione abbia più chance di successo di quella che il 14 dicembre ha inaugurato il governo Berlusconi-Scilipoti. Ma è una buona linea di attacco contro i nuovi farisei dell’emergenza. Continua

Annunci

One thought on “Ma la “grazia” alle camicie verdi ce la siamo dimenticata?

  1. DAI MITRA AI 10 MILIONI IN PIAZZA, BOSSI E VENTI ANNI DI (CAZZATE) SPARATE Umberto Bossi che si dice pronto a portare dieci milioni di persone in piazza e risponde con una pernacchia all’ipotesi che il presidente della Camera Fini non si dimetta, sono solo le ultime di una lunga serie di “sparate”, dal 1993 a oggi. Ecco un piccolo estratto dal vasto repertorio.

    23 settembre 1993 – “Quando avremo perso tutto, quando ci avranno messo con le spalle al muro, resta il fatto che le pallottole costano 300 lire”.

    29 agosto 1994 – “Se non avessimo impedito la rivolta si sarebbe incendiato tutto il Nord. E se in Sardegna, un’area isolata, qualche mitra lo puoi trovare, in Lombardia trovi tutto, dai cannoni agli aeroplani, tutto quello che vuoi. Se esplodeva la rivolta nella bergamasca, spazzava via la Lombardia che al quinto giorno si sarebbe sollevata in armi contro il regime”.

    9 agosto 1996 – “I ripetitori sono i nuovi carri armati del colonialismo romano, per quelli veri basterebbero le armi anticarro e con 100 mila lire gliene buchi uno, ma contro quelli non basta non pagare il canone, vanno buttati giù, perché non devono più trasmettere a spese nostre”.

    26 ottobre 1996 – “Il processo storico va avanti verso il cambiamento con o senza violenza, io spero senza violenza inutile. Prima della fine del ’97 l’Italia come la conosciamo non ci sarà più, ci sarà la Padania”.

    12 aprile 1997 – “Se il governo padano ci dovesse ordinare che è giunto il momento di prendere tutto (dico per esempio), non attenderemmo un momento a obbedire. E se qualche magistrato osasse toccarlo, la reazione della Padania sarebbe immediata. Sarebbe un attacco etnico, razzista e coloniale contro ognuno di noi, sarebbe l’insurrezione popolare”.

    18 aprile 1998 – “Amici magistrati, il rischio è che ci sia una Pasquetta, ma più che una Pasquetta come quella del 1916 in Irlanda: non verrebbero 1.500 uomini a imbracciare il fucile; saranno 150.000 e il giorno dopo un milione e poi… verrà la libertà della Padania. Non obbligate il popolo in un vicolo chiuso, perché è molto più forte di voi”.

    25 settembre 2003 – “La gente che votava democristiani, socialisti e comunisti, e che va avanti a votarli invece di spazzarli via a calci in culo, questi partiti che fecero fallire il Paese, merita anche quello per cui ha agito, per cui ha votato. Questa era gente da tirar giu’, da portare in piazza e fucilare, perché quando uno fa fallire un paese lo si fucila”.

    26 agosto 2007 – ”Non abbiamo mai tirato fuori fucili, ma c’è sempre una prima volta”.

    29 settembre 2007 – “Da qui possono partire ordini di attacco dal Nord. Io sono certo di avere dieci milioni di lombardi e veneti pronti a lottare per la libertà”.

    23 gennaio 2008 – ”Se non si va al voto facciamo la rivoluzione, vuol dire che mettiamo in piedi la polizia del Veneto, della Lombardia, del Piemonte. Certo ci mancano un po’ di armi, ma prima o poi quelle le troviamo”.

    26 gennaio 2008 – “Il coccodrillo è l’animale più pericoloso ma è il più paziente, il più tranquillo sino a che non viene stuzzicato. Noi siamo come il coccodrillo, calmi sino a quando arriva il momento giusto”.

    30 gennaio 2008 – “Meno male che Napolitano ha dato solo un mandato esplorativo… perché qui stanno comunque cercando di far passare il tempo e adesso e’ il momento di dire basta ai giochi di prestigio”.

    27 marzo 2008 – “La legge sul federalismo fiscale dovrà essere per il prossimo governo una priorità assoluta altrimenti il paese rischia di saltare”.

    4 aprile 2008 – “Vogliamo il federalismo fiscale con le buone finché c’è tempo, fino a che non ci incazziamo davvero”.

    6 aprile 2008 – “Se necessario, per fermare i romani che hanno stampato queste schede elettorali che sono una vera porcata e non permettono di votare in semplicita’ e chiarezza, potremmo anche imbracciare i fucili”.

    29 aprile 2008 – ”Non so cosa vuole la sinistra, noi siamo pronti, se vogliono fare gli scontri io ho 300 mila uomini sempre a disposizione, se vogliono accomodarsi…”.

    20 luglio 2008 – “Non dobbiamo piu’ essere schiavi di Roma. Dobbiamo lottare contro la canaglia centralista. Ci sono 15 milioni di uomini disposti a battersi per la loro libertà”.

    18 agosto 2008 – “Speriamo che questa volta sia la volta buona altrimenti dovremo pensare ad altre soluzioni, molto piu’ sbrigative. La volonta’ popolare di conquistare la liberta’ puo’ avvenire anche attraverso i mezzi che sa usare il popolo”.

    14 giugno 2009 – “Finché c’è la Lega la democrazia non corre rischi. La Lega è una forza radicata sul territorio, la Lega è democrazia, la Lega vigila e finché ci siamo noi la democrazia non corre rischi”.

    7 ottobre 2009 – “Se il Lodo sarà bocciato? No, non credo. Ma non ho segnali. Io sono per la saggezza: chi è che vuole sfidare l’ira dei popoli?”.

    22 giugno 2010 – ”Ci sono grosso modo 10 milioni di persone disposte a battersi per la Padania, vuol dire che la Padania esiste. Non c’e’ uno Stato padano, ma la Padania esiste”.

    31 luglio 2010 – “La Lega fortunatamente ha qualcosa come 20 milioni di uomini pronti a battersi fino alla fine. Se non c’è democrazia nel Paese, la portiamo noi”.

    19 agosto 2010 – “Ora dobbiamo portare a casa tutto il possibile democraticamente. Per i fucili c’e’ tempo, abbiamo comunque milioni di uomini che vogliono liberarsi e che vogliono il cambiamento per loro e per i loro figli”.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.